WORKSHOP INNOVIERBAR&KOOPERIERBAR” AVVIARE E SVILUPPARE UN IMPRESA CON IL VENTURE CAPITAL

4.06.2014

 

Con il titolo “Avviare e Sviluppare un IMPRESA con il VENTURE CAPITAL”, si è svolto il 4 Giugno presso La fondazione La Fornace ad Asolo, il convegno organizzato nell’ambito del Progetto Inconet, un confronto aperto tra aspiranti imprenditori e investitori che ha visto una partecipazione numerosa di start up provenienti da tutto il Veneto.
Nel corso del workshop è stato affrontato da prospettive differenti, anche se in parte convergenti, il tema del finanziamento di imprese e start up innovative ad elevato potenziale di sviluppo da parte del Venture Capital Pubblico e Privato.
Il dott. Enzo Pietropaoli, Responsabile Area Partecipazioni, di Veneto Sviluppo ha introdotto la finanziaria della Regione Veneto illustrando come opera e quali sono gli strumenti messi a disposizione da Veneto Sviluppo per le piccole medie imprese. E’ operativo, infatti, dal 2013 il  “Fondo di Venture Capital” con una dotazione complessiva di 35 milioni di euro (20 da parte di Veneto Sviluppo e 15 da parte della Regione Veneto-Unione Europea). L’iter di selezione ha una durata che varia dai 4 ai 6 mesi e, ad oggi, sono state finanziate PMI per un totale di 11 milioni di euro.
L’ing. Tiziano Busin, Amministratore Delegato di VeNetWork, ha presentato questa importante realtà sul territorio Veneto.
VeNetWork, infatti, è una società per azioni con capitali privati,  i soci fondatori sono 42 imprenditori veneti con attività e sede principale nella Regione. Lo scopo di VNW è la promozione della cultura d'impresa attraverso il finanziamento e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali. Le molteplici esperienze e competenze dei soci sono la principale risorsa messa a disposizione di VNW.
Dopo questi primi due interventi è stata la volta di IAG, con l’ing. Franco Bocchini e l’ing. Andrea Gaiba, entrambe soci di Italian Angels for Growth che, ad oggi conta 115 soci, e rappresenta la realtà di Business Angels più importante sul territorio nazionale.
IAG ha lo scopo di finanziare iniziative in fase early stage che presentino un alto contenuto di innovazione e potenziale di crescita, tale da rendere ipotizzabile in circa 5 anni una exit redditizia per gli Angels.
IAG, investe in start-up e giovani aziende (indicativamente da 0 a 2 mil € di fatturato in entrata) che abbiano un elevatissimo potenziale di crescita e scalabilità, che permettano di arrivare almeno attorno ai 5-10 mil € di fatturato al terzo-quinto anno. Anche per loro, il team rappresenta un fattore fondamentale nella selezione dell’impresa su cui investire. L’ammontare varia da 300.000 a 800.000 € circa, con disponibilità a partecipare in coinvestimento a round fino a 2 mil €.
 
Conosciute le tre realtà di Venture Capital presenti, le start up partecipanti hanno iniziato a presentare le proprie iniziative imprenditoriali con un elevetor pitch di tre minuti ciascuna a cui poi si è aggiunta una domanda da parte di uno dei tre venture a rotazione.
Per le start up è stata un esperienza molto costruttiva, la disponibilità ed il contributo da parte dei Venture è stato davvero importante. Ciascun progetto imprenditoriale ha avuto l’opportunità di confrontarsi e di ricevere feed back significativi da parte di uno dei tre potenziali investitori.
 
Grazie all’esperienza vissuta durante questo workshop “INNOVIERBAR&KOOPERIERBAR” AVVIARE E SVILUPPARE UN IMPRESA CON IL VENTURE CAPITAL, la Fondazione La Fornace ha potuto cogliere due tematiche di approfondimento da implementare per offrire un ulteriore supporto alle nuove imprese:
1.      Finanziamenti e bandi pubblici destinati alle Start Up
2.      Elevator Pitch: imparare a presentare la propria impresa a potenziali investitori.
 
Come output conclusivo di questo workshop resta da sottolineare la collaborazione ed una eventuale convenzione che vede soggetti come la Fondazione La Fornace dell’Innovazione quale interlocutore fondamentale per favorire e stimolare i rapporti tra start up e potenziali investitori.