Studenti dell’Università di Udine alla scoperta delle eccellenze del Veneto

11.12.2014

 Si è svolta giovedì 11 dicembre la visita che ha portato un gruppo di studenti e dottorandi del Dipartimento di economia dell’Università di Udine a visitare le aziende Texa e Came. Organizzata da Friuli Innovazione in collaborazione con l’incubatore la Fornace dell’Innovazione di Asolo, nel quadro di INCO-NET, la visita ha voluto far conoscere dall’interno due tra le più importanti realtà imprenditoriali venete, che hanno raggiunto il successo globale puntando fortemente su ricerca e innovazione.
Iniziata alle 10.30 con la prima tappa alla Texa di Monastier, azienda di riferimento nella progettazione e produzione di sistemi di diagnostica nel settore automotive, la visita è proseguita nel pomeriggio presso la Came di Dosson di Casier, tra i leader mondiali nella produzione di sistemi di automazione per utilizzo residenziale. A fare da filo conduttore tra le due visite, l’alto valore innovativo non solo dei rispettivi prodotti, ma anche dei processi produttivi e del management delle due aziende. Una ricetta per il successo fatta da importanti investimenti nella ricerca e sviluppo (5% del fatturato per Came e ben il 10% per Texa), ma anche nella formazione continua e nel miglioramento della qualità della vita lavorativa e personale dei propri dipendenti. Accolti dai responsabili per la comunicazione delle due aziende, gli studenti udinesi hanno avuto modo non solo di conoscerne le dinamiche interne di funzionamento, ma anche di scoprire quali sono le opportunità lavorative a loro disposizione. “Visite ad aziende come questa a cui abbiamo partecipato oggi” – commenta Paola Mazzurana, docente del dipartimento di economia dell’Università di Udine – “costituiscono dei preziosi momenti di formazione sul campo per i nostri studenti. In questo senso, progetti europei come INCO-NET ci vengono concretamente in aiuto, offrendo ai nostri studenti delle interessanti attività formative che altrimenti sarebbe difficile organizzare”.
Quella svolta ieri ha concluso una serie di quattro visite aziendali, svolte nell’ambito del progetto INCO-NET, che hanno portato studenti friulani, carinziani e veneti a visitare centri di ricerca ed aziende innovative in Italia e Austria, per creare delle sinergie forti tra scuola, università e impresa e mettere in rete studenti, ricercatori e imprenditori.